Isolamento Termico

L’isolamento termico ha un’importanza di primo piano nelle applicazioni residenziali, ma anche in quelle industriali, nelle strutture ricettive, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico: sfruttare al massimo la tecnologia dell’isolamento permette, infatti, di ridurre drasticamente i consumi di energia e quindi le emissioni inquinanti.

Isolamento termico della casa
D’inverno, per mantenere una temperatura confortevole negli ambienti, non basta riscaldare l’aria, ma è altrettanto essenziale ridurre gli scambi termici verso l’esterno e cioè isolare termicamente l’edificio. Analogo discorso vale per l’estate. Un isolamento efficiente permette quindi allo stesso tempo di ridurre le dispersioni invernali e l’entrata di calore estivo.

Isolamento termico nel settore industriale e ricettivo
In questi casi ha molteplici obiettivi, fra i quali il risparmio energetico e la sicurezza del luogo di lavoro.
In sostanza: l’isolamento termico permette un notevole risparmio energetico, mantenendo il calore durante l’inverno e il fresco d’estate. Inoltre, con questo intervento, si aumenta il valore dell’immobile nel mercato perché si migliora la sua resa energetica. Ricordiamo poi che grazie al cosiddetto Ecobonus applicabile alle ristrutturazioni edilizie si possono ottenere detrazioni fiscali che variano dal 50 al 65% per interventi rivolti al risparmio energetico. La normativa che regola l’Ecobonus si modifica di anno in anno: l’unica documentazione ufficiale alla quale fare riferimento è quella contenuta nel sito www.agenziaentrate.gov.it.

La coibentazione a cappotto (e quindi isolamento termico) è un investimento che oggi tutti dovrebbero fare sia sulle nuove abitazioni sia in quelle già costruite per alcuni buoni motivi che proviamo a riassumere:

  1. Risparmio energetico e detrazione fiscale secondo gli indici riferiti all’Ecobonus
  2. Eliminazione dei ponti termici. I ponti termici sono le perdite di calore dovute alla presenza di materiali aventi una diversa trasmittanza termica: casi consueti sono travi, pilastri in cemento armato e solai, che solitamente rappresentano le zone critiche di un edificio.
  3. Eliminazione della condensa. Il vapor acqueo presente negli ambienti può condensare, un fenomeno che avviene quando, a causa delle basse temperature esterne, la muratura si raffredda in alcune zone. Grazie ad una coibentazione a cappotto efficace la muratura rimane calda e il punto di rugiada viene eliminato. In tal modo si risolvono i fastidiosi inestetismi dovuti a muffe e funghi che si annidano proprio nelle zone di condensa, pericolose anche per la salute delle persone.
  4. Comfort abitativo. Vivere in un’abitazione calda d’inverno, fresca d’estate, salubre e senza inestetismi (per non dire delle malattie respiratorie che la condensa può provocare), migliora di gran lunga il comfort all’interno della nostra casa.